SEYCHELLES E SEY… IN PARADISO!

Buen retiro di divi del cinema e rockstar, il magnifico arcipelago delle Seychelles è una delle mete più desiderate al mondo. Costituite da 115 isole, con spiagge tra le più belle del pianeta, incastonate nelle acque trasparenti dell’Oceano Indiano. Considerate nell’immaginario collettivo un paradiso, con meravigliose immagini di spiagge bianche, incorniciate da palme tropicali, sotto ad un cielo che sembra dipinto, meta di viaggi di nozze e di un turismo elitario. Nella realtà, invece, le Seychelles sono diventate negli anni una destinazione accessibile a tutti perché, oltre ai grandi e bellissimi resort, esistono piccole e caratteristiche guest house da affittare. Non solo ma sono anche meta di un turismo responsabile perché si possono fare viaggi itineranti, spostandosi fra le varie isole per scoprire paesaggi mozzafiato, una vegetazione lussureggiante, diversi animali endemici e andare alla scoperta di spiagge nascoste e lontane dal turismo di massa. Leader del mercato alla scoperta di queste Seychelles è Seyvillas (www.seyvillas.com ), operatore specializzato tramite cui prenotare hotel o guest house, escursioni e spostamenti sia interni che dall’Italia. Ad esempio per chi si vuole allontanare dai grandi e lussuosi resort e godere l’autenticità del territorio e i suoi abitanti c’è il pacchetto “Seychelles Autentiche”: 14 notti, con soggiorno nelle isole di Pralins, La Digue e Mahé a un costo a partire da 910 euro a persona. Oppure per chi ama lo snorkeling c’è il pacchetto “Combo Snorkeling” , con soggiorno nelle isole di Pralins, La Digue e Cerf Island, da 1044 euro a persona per 12 notti.

LE ISOLE MINORI

Non hanno nulla da invidiare alle più conosciute e visitate sorelle maggiori. Solo una minima parte sono abitate, qualcuna trasformate in esclusive isole-resort. Ognuna è un piccolo paradiso privato.

CERF ISLAND

Cerf Island

Questa minuscola isola si trova al centro della riserva naturale Saint’Anne Marine Park, a soli 4 km e 10 minuti in barca dalla costa di Mahè. Qui non ci sono strade o negozi, non esiste un centro abitato e i pochi edifici residenziali sono distribuiti nella zona pianeggiante della costa occidentale e nord-orientale. Il posto ideale per “staccare” e rilassarsi. Tra i pochi resort c’è L’Habitation, una piccola costruzione coloniale, ex piantagione di noci di cocco trasformata di recente in un grazioso hotel, immerso in un giardino tropicale (http://it.seyvillas.com/7/hotel-lhabitation ) . Da 159 euro a doppia in b&b.

 

SeyVillas e L’Habitation sono uniti da un progetto importante: quello della conservazione e ripristino della barriera corallina colpita dallo tsunami del 2004 e sottoposta ai disagi causati dai motori delle barche. I biologi, oltre a fare un lavoro di informazione per i visitatori e gli abitanti, sono impegnati nel creare piccole nursery per i coralli, compreso il raro corallo nero, a monitorare il reef e i relativi abitanti e a identificare, anche con l’aiuto delle foto dei turisti, le tartarughe marine attraverso i disegni sulla testa, diversi da un esemplare all’altro. Si può anche fare snorkeling insieme al team di biologi, che hanno ideato un percorso con boe visibili lungo tutta la spiaggia di Cerf, per segnalare la ricchezza della barriera. Per aiutare il team, si può chiedere di fare volontariato oppure più facilmente adottare un corallo o una tartaruga. Per info: http://www.facebook.CICP1,
https://cerfislandconservationprogram.weebly.com/. Infine gli stessi biologi si offrono come guide per il trekking e per scoprire l’interno dell’isola: due vecchi sentieri che portano al centro della vegetazione, ricchissima, e piena di animali, come le volpi volanti (i grossi pipistrelli della frutta), un raro tipo di mini-camaleonte e alcune tartarughe giganti, tipiche delle Seychelles.

LA DIGUE

Anse Source d’Argent

Isola senza tempo, famosa per le sue bellissime spiagge, immortalate sulle riviste di tutto il mondo.  Tra tutte la splendida Anse Source d’Argent dove maestosi blocchi di granito fanno da contorno ad una laguna dai colori straordinari. Il noleggio di una bicicletta è il modo migliore per scoprire l’isola. Seyvillas offre una quarantina di sistemazioni, dal miglior hotel dell’isola, Le Domaine de L’Orangeraie alle guest house a partire da 74 euro a notte (http://it.seyvillas.com/list/la-digue-island).

Grand Anse La Digue

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DELLA ROUTE DE GOÛT

Dal 12 al 15 ottobre a Monte-Carlo andrà in scena la seconda edizione della Route du Goût, vera e propria full immersion nella cucina biologica.

Ideata da Paolo Sari, chef del Monte-Carlo Beach (http://it.monte-carlo-beach.com), unico stellato certificato bio, membro dell’associazione Bio Chef Global Spirit, questo festival biologico punta a sensibilizzare alla preservazione dell’ambiente e delle ricchezze nostrane.

Ci saranno un mercato del biologico sul Quai Antoine 1er, dimostrazioni culinarie sull’alimentazione sana, gare di tennis al Monte-Carlo Country Club per i bambini, animazioni pedagogiche sulle energie rinnovabili, concorso d’invenzioni ecologiche, pratiche per la salvaguardia del pianeta.

Due le cene di gala bio. Venerdì 13 ottobre dieci bambini accompagneranno dieci chef di Monte-Carlo Société des Bains de Mer nella preparazione della cena di Gala. E dalle ore 19.30 verranno presentate le loro creazioni negli stand del Marché des Saveurs.

Il 14 ottobre, invece, in collaborazione con la Fondation du Prince Souverain, si celebrerà la manifestazione Chefs Love the Planet: otto Chef stellati verranno associati a otto diversi produttori per la preparazione di un pasto unico a 16 mani stellate.

l’Associazione si propone come obiettivo il finanziamento della ricostruzione e rilancio del settore alimentare, alberghiero ed educativo delle regioni italiane duramente colpite dal terremoto del 2016. In parallelo, verrà garantita la formazione specifica degli studenti della scuola alberghiera biologica con la costruzione di un secondo edificio in Madagascar ( la prima è già stata costruita grazie al finanziamento della Route du Goût del 2016  in collaborazione con la Fondation Ecole de Félix).

www.route-du-gout.com

http://it.montecarlosbm.com

TWENTY GROSVENOR SQUARE: LE PRIME RESIDENZE INDIPENDENTI DA UN HOTEL A LONDRA

Four Seasons Hotels and Resorts, in collaborazione con Finchatton Ltd, società internazionale di progettazione e sviluppo di residenze di lusso, inaugurerà a Londra, nel 2018, nello storico edificio “Twenty Grosvenor Square”, nel cuore di Mayfair, le prime residenze private e indipendenti di Four Seasons. Lo storico edificio che, durante la Seconda Guerra Mondiale, rappresentava la base europea della flotta navale americana , accolse il Generale Dwight Eisenhower. Si estende su una superficie di 23.226 mq e al suo interno si trovano diverse tipologie di residenze, con tre, quattro o cinque camere da letto. L’interior design, curato da Finchatton, conserva l’antico spirito dell’edificio con alti soffitti, un ingresso separato per il personale di servizio ed ampi saloni, oltre ad aree comuni quali una cantina di vini, un centro fitness, una sala giochi, un cinema, una business suite e diverse aree verdi. Twenty Grosvenor Square offrirà molti dei servizi che gli hotel e resort Four Seasons dedicano ai propri ospiti, sartoriali e personalizzati.

Dopo l’apertura del Four Seasons Hotel London at Park Lane e del Four Seasons Hotel London at Ten Trinity Square, le residenze Twenty Grosvenor Square rappresentano il terzo progetto Four Seasons nella capitale inglese.

www.fourseasons.com

www.finchatton.com  

http://www.20gs.com