PARADISE RESORT & SPA

Panorama al tramonto. Gotografia di Clelia Torelli ©

Si trova mel cuore dell’oasi naturale di San Teodoro, sulla costa nordorientale della Sardegna, a poca distanza dalla bellissima spiaggia di Lu Impostu.

Hall. Fotografia di Clelia Torelli ©

111 le camere, arredate in stile sardo, dotate di veranda o torretta al piano superiore con vista magnifica sul parco, la laguna e la baia, con l’isola di Tavolara sullo sfondo.

La Spa. Gotografia di Clelia Torelli ©

La Spa, realizzata nel 2016, dispone di tre sale trattamenti, una sauna finlandese a 90°, un bagno di vapore, due docce emozionali, una cascata di ghiaccio, una zona relax con angolo tisaneria, una private spa e una sala fitness.
Nel bellissimo parco ci sono una zona solarium e due piscine

Verande delle camere

Due i ristoranti: il principale, Verandah, che propone piatti freschi dai sapori mediterranei, preparati con prodotti del territorio e il gourmet Piccola Cucina. Quest’ultimo, che fa parte del gruppo di ristoranti omonimi a New York, Londra e in Spagna, promette esperienze gourmet a lume di candela, con piatti tipici italiani, sapori sardi e pescato del giorno.
Al nuovo Sunrise Bar si va per uno snack, un gelato, un aperitivo al tramonto o un cocktail dopo cena quando la musica dal vivo anima la serata.

Sunrise Bar

Piscina. Fotografia di Clelia Torelli ©

Piscina. Fotografia di Clelia Torelli ©

 

Il resort organizza escursioni alla Laguna di San Teodoro con i fenicotteri o trekking al Monte Nieddu, passeggiate a cavallo, sessioni di golf al Club Puntaldia o al Pevero Golf Club e, per i più arditi, volo in ultraleggero.

Il ristorante principale

Il Paradise Resort & Spa è aperto per la stagione 2017 fino al 7 ottobre, con tariffe a partire da 260 euro per la camera Classic, con prima colazione

  1. Laguna di SanTeodoro. Fotografia di Clelia Torelli ©

    Paradise Resort & SPA
    Località Lu Impostu – San Teodoro, 08020 San Teodoro (OT)
    Tel. 0784.1908000
    http://www.paradiseresortsardegna.com

 

AL RELAIS IL FALCONIERE & SPA PER UNO STREET FOOD STELLATO

Il ristorante stellato. Fotografia di Clelia Torelli ©

Una camera. Fotografia di Clelia Torelli ©

La Spa. Fotografia di Clelia Torelli ©

La suggestiva residenza seicentesca sapientemente restaurata, di proprietà della famiglia Baracchi fin dal 1860, rispecchia lo stile semplice e al tempo stesso raffinato delle antiche dimore toscane, con i suoi arredi d’epoca, gli affreschi alle pareti, i tessuti a telaio e i letti in ferro battuto. Ricavato dall’antica limonaia, il ristorante stellato guidato da Silvia Baracchi. Il relais offre agli amanti dell’attività fisica escursioni in bici e attività open air e per il relax totale alla Thesan Spa si possono prenotare rituali esclusivi dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella di Firenze e trattamenti con prodotti a base di olio e vino dell’azienda Baracchi. Le novità di quest’anno sono le amenities in camera: dal quotidiano, il vinsanto e cantucci come welcome ai soft drink complimentary. Inoltre è stata aggiunta la ventitreesima camera, una deluxe e una nuova categoria: l’executive suite. Circondato da ulivi e vigneti secolari questo piccolo universo, sospeso nel tempo, sorge su una collina dei pressi di Cortona che a luglio è ricca di eventi culturali e gastronomici di alto livello. Come la cucina “di strada” stellata che sarà protagonista nella città aretina il 28 luglio.
L’offerta speciale per partecipare agli eventi dell’estate cortonese prevede una notte in camera classica con prima colazione a buffet e ingresso alla Thesan Spa per il Circuito Aqua & Vapori, da 305 euro

Relais Il Falconiere & Spa
Loc. San Martino a Bocena, 370, Cortona (AR)
tel. +39 0575 612679  

http://www.ilfalconiere.it  www.autenticohotels.com
http://www.relaischateaux.com

Silvia Baracchi

5 CHEF STELLATI SCENDONO IN PIAZZA A CORTONA PER UNA SERATA DI ALTA CUCINA

Dopo il successo delle passate edizioni torna Street Chef, l’appuntamento culinario che il 28 luglio, vedrà le strade e le piazze di Cortona protagoniste di un viaggio enogastronomico, volto a valorizzare le eccellenze del territorio e la tradizione della cucina italiana. Questa sesta edizione si presenta come una vera e propria full immersion culinaria che prevede nell’arco della giornata incontri e cooking show all’insegna del buon cibo. Dalle 11.30 alle 23 i vicoli di Cortona saranno teatro di “Morsi e Sorsi”, un inedito percorso enogastronomico di alta qualità che permetterà ai visitatori di assaporare le eccellenze dello Street Food italiano. Momento speciale di quest’anno sarà l’evento Pizza Gourmet ospitato in Piazza Garibaldi dove, grazie alla presenza di due forni a legna, vedranno la luce le creazioni di cinque pizzaioli napoletani: Giorgio Moffa, ultimo discendente della famiglia Ciro Leone, Vincenzo Esposito, insignito nel 2016 del riconoscimento “Pizzeria dell’anno”, Carmine Donzetti, il re del forno a legna Antonio Esposito e Pasquale Serra, anima di un piccolo locale in cui si servono pizze con ben venticinque presidi Slow Food. Alle 20.30 andrà in scena in piazza Garibaldi la storica Cena Gourmet con un’incredibile brigata composta da cinque chef stellati provenienti da tutto lo stivale. Francesco Bracali dell’ononimo ristorante a Ghirlanda (GR), propone una Terrina di Pomodori confit, involtino di melanzana e gel di pomodorini, tartare di gamberi rossi al frutto della passione; Paolo Gramaglia del ristorante President di Pompei, presenta il suo mischiato di pasta e patate, frutti di mare, pecorino toscano e bottone di peperone arrostito; Giuseppe di Iorio, del ristorante Aroma di Roma, partecipa con il polpo arrosto su pesto di prezzemolo e foam di patate e limone; Silvia Baracchi, patron del ristorante Il Falconiere, gioca in casa con la lingua al tè Tarry Souchoung e salsa alla maracuja; Maria Cicorella, del ristorante Pasha di Conversano (BA), ha scelto le orecchiette fatte a mano, con pecora in pignatta, canestrato, cardoncelli e tartufo. Cucineranno in piazza con gli chef stellati oltre 30 ristoranti della Valdichiana, in abbinamento a 30 etichette del Consorzio Vini Cortona. 60 euro a persona (Terre Etrusche, tel 0575/605287)

LA DOLCE VITA AL PUNTA TRAGARA

 

Punta Tragara al tramonto. Fotografia di Clelia Torelli ©

Vista dei Faraglioni dalla suite. Fotografia di Clelia Torelli ©

Ci sono luoghi incantati, che ti scelgono riempendoti l’anima, che ti “raccontano” con il loro fascino la storia del luogo in cui sorgono. Punta Tragara è uno di questi. E trascorrervi una vacanza, toccando i Faraglioni con un dito è un privilegio.

Il progetto iniziale risale al 1920 e porta la firma di Le Corbusier, il padre dell’architettura moderna, che lo immaginò come “un’emanazione della roccia, una filiazione dell’isola, un fenomeno vegetale, quasi un lichene architettonico cresciuto sul fianco di Capri”. Nacque come villa del marchese Emilio Vismara, ingegnere lombardo che invitava nella sua “Stracasa”, chiamata così perché era qualcosa di più di una semplice dimora, personaggi illustri. Durante la Seconda Guerra Mondiale divenne un comando americano e accolse alcuni protagonisti della storia dell’epoca: i generali Dwight Eisenhower, Mark Clark e Sir Winston Churchill.

Nel 1968 fu acquistato dal Conte Goffredo Manfredi che lo trasformò nel ’73 da buen retiro in hotel. Nel corso degli anni, dopo diverse ristrutturazioni, è diventato l’esclusivo cinque stelle lusso attuale, di cui si occupa il nipote del marchese, Goffredo Manfredi, suo omonimo.

Camera con vista. Fotografia di Clelia Torelli ©

Welcome con caprese e spumante. Fotografia di Clelia Torelli ©

Tavolo del buffet a colazione. Fotografia di Clelia Torelli ©

 

Sulla terrazza affacciata sulla baia, incastonate in un giardino curatissimo, ci sono due piscine di acqua dolce, una a temperatura naturale e l’altra, con idromassaggio, riscaldata. C’è anche il bar “Monzù Gin Club”, location ideale per un aperitivo al tramonto, quando tutta la baia sottostante si tinge dal rosa al rosso. Qui il barman Daniele Chirico prepara 70 tipi di cocktail e aperitivi a base di gin, di cui alcuni molto rari.

Daniele Chirico al lavoro. Fotografia di Clelia Torelli ©

Selezione di gin e toniche. Fotografia di Clelia Torelli ©

Per cena si va al “Monzù”, (dal francese monsieur, come erano chiamati i capocuochi della case aristocratiche campane), il ristorante dell’hotel con vista su Marina Piccola e i Faraglioni, Il menu, un’esplosione di sapori e prodotti dell’isola, è firmato dallo chef Luigi Lionetti, caprese doc. Strepitoso anche il menu dei dolci curati dalla chef pasticciera Cristina Passini. Dal gelato al kefir di bufala, mela verde e cedro, l’Assoluto al limone, la Sfera alla nocciola, cacao e passion fruit al Lingotto di mandorle e pera.

Ristorante Monzù. Fotografia di Clelia Torelli ©

L’altra food experience da non perdere è al ristorante “Mammà” , sempre di proprietà della famiglia Manfredi, che si trova a pochi passi dalla Piazzetta. Dalla sua terrazza si gode una vista impareggiabile sul Golfo di Napoli. Il ristorante, nato nel 2013 su ispirazione del bistellato Gennaro Esposito, è guidato da Salvatore La Ragione, 1 stella Michelin. La sua filosofia culinaria si fonda su un giusto mix tra cucina contemporanea e grande tradizione mediterranea, partenopea e caprese con prodotti sempre freschissimi. Da non perdere la pizza sottile con lievito madre e tartufo (da una ricetta di 60 anni fa), le tagliatelle di seppia, alga nori e maionese di rapa rossa e gli spaghetti  ai ricci di mare e anemoni.

Ristorante Mammà. Fotografia di Clelia Torelli ©

Al Punta Tragara per rilassarsi c’è l’onomina Spa Tragara che propone trattamenti Physio Lab. E, per chi vuole fare moto, c’è il programma “Buongiorno Capri”, che prevede percorso jogging, spremuta di limone e massaggio a scelta. What else?

La notte sul Punta Tragara. Fotografia di Clelia Torelli ©

Hotel Punta Tragara, via Tragara 57 – 80073 Capri (Na) – Tel. +39 081 8370844

Ristorante Monzù, via Tragara 57 – 80073 Capri (Na) – Tel. +39 081 8370844

www.hoteltragara.com info@hoteltragara.it

Ristorante Mammà, via Madre Serafina 8 – 80073 Capri (Na) – Tel. +39 081 8377472

www.ristorantemamma.cominfo@ristorantemamma.it

www.manfredihotels.com

“ARIA DI CASA” A CIASA SALARES


INGRESSO Fotografia di Clelia Torelli ©

4925 i chilometri percorsi dagli ingredienti migliori per arrivare a destinazione nelle 5 cucine dell’hotel, dei ristoranti la Terrazza, Wine Bar, Salares, La Cantina e lo stellato La Siriola. 24000 le bottiglie con 1800 etichette presenti in cantina, una sorta di enciclopedia dei vini. 51 gli anni in cui il fratello della regina di Svezia ci trascorre le vacanze.

Questi alcuni numeri del Ciasa Salares, boutique hotel di San Cassiano, un luogo unico nel paradisiaco affresco delle Dolomiti. L’atmosfera che si respira è quella di casa, tipica dell’accoglienza ladina, della baita di famiglia. Quella dei Wieser.

Stefan, il patron, è un ricercatore insaziabile di eccellenze gastronomiche e sommelier professionista. Non c’è prodotto nella sua dispensa scelto a caso. E’ lui che ha sposato, con lo chef stellato Matteo Metullio del ristorante La Siriola, la formula del “chilometro vero” in quanto la provenienza non deve andare a discapito della qualità. Non si tratta di negare “il chilometro zero”, ma solo di essere più onesti in cucina. L’Alto Adige ha una tradizione gastronomica limitata, prevalentemente contadina. Quindi perché privarsi della varietà di materie prime di qualità disponibili in Italia?

CAMERA Fotografia di Clelia Torelli ©

CAMERA  CON VISTA Fotografia di Clelia Torelli ©

E poi c’è Wilma, moglie di Stefan, che si occupa degli arredi e complementi di Ciasa in stile montano. Loro figlio, Clemens, grande esperto di vini biodinamici, nonostante la giovane età, si dedica alle degustazioni in cantina e alla scelta dei vini nei ristoranti e di gin del Wine Bar. Partecipare ad una degustazione con lui in cantina è un’esperienza da non perdere. A partire dall’utilizzo di OVARIUS®, una caraffa di decantazione, dentro cui il vino naturale finalizza il processo di dinamizzazione. Infine, ancora vispa, nonostante i suoi 85 anni, è Ilda, la mamma di Stefan. Si occupa indefessamente dell’orto dove “vanno in scena” al tramonto spettacolari aperitivi e, se la incontri al buffet del ristorane principale, è ancora lei che ti prepara lei un buon piatto di verdura appena raccolta.

LA SIGNORA ILDA NEL SUO ORTO  Fotografia di Clelia Torelli ©

PISCINA INDOOR  Fotografia di Clelia Torelli ©

Guida la Spa Vives la bravissima Jessica Calliari, 24 anni di Rovereto,  con esperienze alle spalle ai centri benessere del Cipriani di Venezia e del Jk di Capri. Da provare il bagno di vapore Vitalis che consente di combinare il trattamento con il calore e vapore. Quello di fieno e ginepro depura e disintossica l’organismo rinforzando il sistema nervoso e immunitario.

INGRESSO DI LA SIRIOLA  Fotografia di Clelia Torelli ©

 

INTERNO DI LA SIRIOLA   Fotografia di Clelia Torelli ©

Discorso a parte merita il ristorante gourmet La Siriola, 1 stella Michelin, dove il rito della cena diventa un viaggio sensoriale tra gusti, profumi e colori. Nelle sue sale l’allure di un’eleganza essenziale si accorda a tocchi di design, a partire dalle lampade in legno curvato. Qui la cucina è in continuo movimento, ricca di tradizione ma anche di innovazione e sperimentazione. Piatti unici che rispecchiano Matteo Metullio, il più chef giovane stellato, e che stupiscono i commensali. Cinque i menu tra cui il Degustazione Sambuco con 10 portate a sorpresa.

MISE EN TABLE DI LA SIRIOLA Fotografia di Clelia Torelli ©

Le due chicche, comprese in alcuni menu, sono la Chocolate Room e Cheese Room. Nella prima, all’interno del ristorante gourmet, si possono degustare 40 tipi di cioccolato da abbinare, volendo, a distillati e vini ad hoc nell’adiacente tasting lounge dove gli ospiti de La Siriola vengono accompagnati per un insolito pre-déssert. Invece, nella cheese room si possono assaggiare fino a 21 tipi di formaggio abbinati a 3 birre diverse.

CHOCOLATE ROOM Fotografia di Clelia Torelli ©

Da non perdere anche il picnic che tutti i mercoledì Ciasa Salares organizza per gli ospiti nella sua baita al Piz Sorega. Si possono gustare specialità locali tra cui la jüfa, una sorta di mousse fatta con latte e farina, burro fuso e pane secco, grigliate di carni e, dulcis in fundo, il gelato di fiori montani. A disposizione cappellini di paglia se picchia il sole e coperte di lana dovesse venire freddo.

PICNIC A PIZ SOREGA Fotografia di Clelia Torelli ©

Insomma un indirizzo da tenersi stretto, un luogo che lascia il segno. Per la cortesia della famiglia Wieser che ti fa sentire a casa, in famiglia, per l’energia che si percepisce, per la bellezza del paesaggio circostante e i colori intensi della natura.

 

HOTEL CIASA SALARES
Strada Prè de Vì 31 . Loc. Armentarola .
I-39036 S. Cassiano . Alta Badia . Dolomiti .
tel. +39 0471 84 94 45 .

EMANUELE MAZZELLA A VILLA PORRO PIRELLI

Emanuele Mazzella

Negli esclusivi ambienti barocchi di Villa Porro Pirelli, hotel di Induno Olona (Varese), arriva uno degli chef più giovani e importanti del panorama italiano: Emanuele Mazzella.

La piscina nel parco secolare

La sala colazioni

35 anni, ischitano, raggiunge la sua prima stella Michelin nel dicembre 2015. Il suo amore per la cucina nasce proprio a Ischia, grazie alla famiglia che gli tramanda il rispetto per la sua terra e i suoi prodotti. Viaggia molto, lavorando al fianco di chef stellati di fama internazionale, fino ad approdare al Ristorante Vespasia di Palazzo Seneca dove gli viene conferito il prestigioso riconoscimento della stella Michelin. Tra le diverse esperienze professionali che lo chef ischitano ha sperimentato tra Campania, Trentino, Toscana e provincia di Bergamo, spiccano quelle presso il ristorante Da Vittorio di Brusaporto (Bg), a Il Mosaico dell’Hotel & Spa Terme Manzi di Ischia, al Ristorante Arnolfo di Colle Val d’Elsa (Si), e al St. Hubertus dell’Hotel & Spa Rosa Alpina in Alta Badia (Bz).

Al suo Bistrò Porro Pirelli, nato dalla ristrutturazione della vecchia serra, propone menu a La Carte che variano mensilmente proprio per rispettare la stagionalità dei prodotti.

Rivisitare la cucina tradizionale mediterranea e lombarda con un tocco di modernità ed essenzialità, sempre nel rispetto degli ingredienti sani, legati al territorio e alla loro stagionalità che si uniscono ai sapori ed ai profumi delle origini ischitane. Questa la sua filosofia.

www.villaporropirelli.com

PALAZZO MONTEMARTINI

Libreria nella hall

Suite

Indirizzo di charme del gruppo Ragosta nel cuore della Città Eterna, di fronte alle Terme di Diocleziano, a pochi passi dalla stazione Termini.

L’hotel, cinque stelle, nasce dalla ristrutturazione integrale di quattro palazzi d’epoca ottocenteschi, in precedenza sede dell’Atac, locale azienda dei trasporti. Nella sua nuova veste gli ambienti ultramoderni si sposano alla perfezione con elementi classici, quali marmi, stucchi che da oltre 130 anni li caratterizzano. 82 tra camere e suite, ognuna diversa per forma e caratteristiche, con arredi unici perché si è scelto di mantenere le vecchie planimetrie degli uffici. La suite 407 era la mensa, la spa è stata ricavata dalle cantine e il ristorante, oggi regno del giovane chef Simone Strano e della sua brigata, era la storica biglietteria.

Senses, ristorante gourmet

Fontana con pioggia verticale nel ristorante

Senses, così si chiama il ristorante, immerso in un’atmosfera rinascimentale, con vista sulle Mura Serviane e le terme di Diocleziano, porta in scena i piatti della cucina italiana rivistati in chiave fusion con ingredienti freschi e di prima scelta, con un’estrema cura alla composizione del piatto. Tra i must da non perdere la patata a gomitolo fatta a filo e sbianchita, che racchiude un cuore di burro alle erbe a sua volta avvolto da una patata violetta, servito su crema di mandorle e fichi e finito con foie gras e polvere di porcini o i ravioli alla “Norma”, a base di pomodoro, melanzane, basilico e ricotta salata, omaggio alla Sicilia, terra d’origine dell’Executive chef.

La SPA ExPure, una delle più grandi della città, con i suoi 600 metri quadri, è gestita dai professionisti del benessere di Caschera SPA.  Qui, coccolati da frutta fresca e tisane si può godere di sauna, bagno turco, doccia emozionale, piscina con idromassagio, stanze per trattamenti e una stanza del sale. Sorge accanto alle famose terme romane di Diocleziano creando così una sorta di percorso parallelo con la storia.  L’acqua d’altronde è l’elemento portante di tutta la struttura: la SPA con la sua parete d’acqua, alcune delle suite con centro benessere integrato, la hall con giochi di luci ed acqua ma anche la fontana dai getti verticali all’interno del ristorante & lounge bar Senses.

La stanza del sale nella SPA

Palazzo Montemartini è il primo albergo 5 stelle in Italia a utilizzare l’innovativa piattaforma Manet, un sistema mobile integrato composto da uno smartphone con sistema operativo Android che offre all’ospite chiamate e connettività illimitate oltre a molteplici servizi. La nuova piattaforma tecnologica è in perfetta linea con la filosofia del brand, “Define your lifestyle”, che si basa sull’offerta di servizi personalizzati e su misura ai propri ospiti per un’esperienza completa ed esclusiva. Il nuovo sistema mobile, ad esempio, offre: connessione internet 4G flat, chiamate nazionali e internazionali illimitate, rapido e comodo accesso a tutti i servizi dell’hotel tra cui room service, la prenotazione della SPA e del ristorante, offerte e promozioni; mappe e guide turistiche; suggerimenti enogastronomici, ticket per eventi e musei; utili funzionalità come il traduttore, cambio valuta, informazioni sui trasporti pubblici e molto altro ancora.

IMG_7134 (1)

Piattaforma Manet

www.palazzomontemartini.com

Palazzo Montemartini

Tel. (+39)0645661

info@palazzomontemartini.com

PALAZZO MANFREDI

 

Dimora cinque stelle lusso siglata Relais & Châteaux, nel cuore della Roma imperiale, unico hotel della capitale situato di fronte al Colosseo, alla Domus Aurea e al Colle Oppio. Elegante edificio del XVII secolo, sorge proprio sopra il “Ludus Magnus”, antica palestra di gladiatori collegata mediante un tunnel sotterraneo al Teatro Flavio.

Dai dipinti del XVI secolo alle opere d’arte moderna l’hotel esprime l’essenza di uno stile contemporaneo senza tempo che si evince non solo nelle zone comuni ma anche nelle camere e suite. Dove c’è la minima cura in ogni dettaglio: dalla scelta della carta da parati, ai tessuti d’arredo, ai marmi dei bagni, alle lampade firmate Ingo Maurer e Van Egmond. La camera più particolare è la Suite Colosseo: cinquanta metri quadrati di open space con area wellness, hammam e jacuzzi e magnifica vista sul monumento simbolo di Roma. Un rifugio di relax, dove, su richiesta, il terapista per il massaggio arriva direttamente a domicilio.

Il valore aggiunto di Palazzo Manfredi, se ancora ce ne fosse bisogno, è la terrazza con impagabile vista sul Colosseo, i Fori Imperiali e la Domus Aurea. Regno incontrastato dello chef, una stella Michelin, Giuseppe Di Iorio che dirige magistralmente il ristorante gourmet Aroma e il neonato Aroma Bistro.

I suoi premiati piatti combinano sapori mediterranei con quelli della cucina romana, ricette antiche personalizzate, legate alla stagionalità e alla qualità della materia prima, e anche qualche novità come il menu gluten free dedicato alla figlia Melissa che soffre di celiachia.

Per un pranzo o cena più informali ma senza rinunciare a piatti gourmet, c’è l’Aroma Bistro dove gustare le creazioni ‘quick and chic’ dello chef Di Iorio, servite sulla terrazza coperta che si affaccia su Colle Oppio. Piatti della tradizione mediterranea come la millefoglie di melanzane e zucchine con ricotta mantecata gratinata al Parmigiano Reggiano o gli involtini di pesce spada ripieni di pomodoro fresco, olive taggiasche e provola. Nella carta dei dessert: Cuore liquido, mousse al cioccolato Ivoire e caffè ai profumi di cardamomo con cuore ai lamponi, Pera.3, variegato ai tre cioccolati con cremoso al caramello e doppia consistenza di pera Williams e il dolce signature Tiramisù Aroma, cubi di tiramisù al cioccolato guanaja su crumble e spugna di caffè ‘Arabica’.

Palazzo Manfredi che mette a disposizione anche 6 appartamenti nelle immediate vicinanze che possono usufruire degli stessi servizi dell’albergo, fa parte di Manfredi Fine Hotel Collection, collezione di alberghi dei conti Goffredo e Leonardo Ceglia Manfredi. Tutte residenze private trasformate in albergo situate in location straordinarie per offrire ai loro ospiti un’esperienza unica che racchiude storia, cultura e glamour con il massimo del comfort e del servizio.

Palazzo Manfredi

Via Labicana 125

00184 Roma

http://www.palazzomanfredi.com

info@hotelpalazzomanfredi.it

Tel. 06 77591380

 

MY BEST PLACE IN ROMA 

Appena arrivata al Rome Cavalieri Walford Astoria, uno dei miei hotel preferiti a Roma, entro già in un’altra dimensione. Inizia finalmente una giornata che può scorrere lenta, nel relax più totale, lontana dai rumori della città, all’insegna del luxury e del bien vivre. Si parte, sotto un sole che scalda pelle e anima, con un cocktail a base di champagne sui divani beige della terrazza che guarda su Roma, scenografia unica, che lascia senza parole. Difficile non sorridere al mondo in questo angolo di paradiso. Per il lunch vado al ristorante L’Uliveto, gioiello creato tra il verde del parco e il blu della piscina per un pietanza squisitamente leggera. Nel pomeriggio, per dedicarmi alla cura del corpo, scendo nella Cavalieri Grand Spa Club . 2500 mq che comprendono una piscina riscaldata, con cascata e idromassaggio e un camino funzionante in inverno, un bagno turco con all’interno due ametiste brasiliane, due saune finlandesi, una vasca idromassaggio e 10 cabine per massaggi e trattamenti indimenticabili firmati La Prairie e St Barth. In questo ambiente ovattato il relax prende il sopravvento su di me. Decido per un trattamento viso di La Prairie Switzerland: il Cellular Radiance Perfecting Fluide Pure Gold. La suite della Grand Spa, ispirata a immagini di tramonti, deserti, foresta pluviale e bambù, e la musica di sottofondo contribuiscono a potenziare i benefici del trattamento che ho scelto. La seduta, della durata di un’ora e mezza, prevede detersione e pulizia della pelle del viso, seguita da un massaggio magnifico con questo fluido prezioso che scorre sulla mia pelle rivitalizzandola in profondità. La sua preziosa formula con infusione d’oro – mi dice la terapista – stimola la produzione di collagene e aiuta a migliorare la radiosità della pelle dall’interno per un aspetto più disteso, in grado di riflettere la luce al meglio. Gli agenti dorati foto-riflettenti e la polvere d’oro puro donano un’immediata radiosità dorata. Il mio viso può vivere di rendita per un po’…

Grazie Rome Cavalieri!

Dove:

Rome Cavalieri Waldorf Astoria

via Alberto Cadlolo, 101, Roma

tel +39 06 35091 fax +39 06 35092241

E-mail: ROMHI.GuestServices@waldorfastoria.com

romecavalieri.com