VIAGGIO IN GIAMAICA, COSA VEDERE

#IOVIAGGIOCONLA MENTE

Un viaggio in Giamaica, isola immersa nel Mare dei Caraibi, ricca di vegetazione, con alcune delle più belle spiagge dei Caraibi, ma non solo… Myluxuryexperiences vi suggerisce cosa vedere. Seguitemi!

Viaggio in Giamaica: Seven Mile
Seven Mile Beach
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Un viaggio in Giamaica per le sue splendide spiagge

Candide spiagge incorniciate da palme, acque trasparenti e foreste tropicali. Questa è la Giamaica, isola delle Grandi Antille, inserita nel mio articolo su Starbene tra le isole da sogno.

Goldeneye Resort
Goldeneye Resort
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Un viaggio in Giamaica per gli appassionati di 007

Questa isola caraibica è la patria di Bob Marley, Usain Bolt e 007. Sì perché è qui che, dalla penna di Ian Fleming, è nato l’agente segreto più famoso del mondo. E proprio in Giamaica sono state girate le scene iniziali del nuovo film di James Bond che uscirà tra qualche giorno nelle sale cinematografiche. Con Daniel Craig nel ruolo di 007 e di Rami Malek in quello del cattivo. I produttori si sono detti entusiasti di girare in Giamaica, il punto di partenza di film cult della saga come Agente 007, Licenza di uccidere o Agente 007 Vivi e lascia morire

Goldeneye
Edificio centrale del resort Goldeneye
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Un viaggio in Giamaica per vedere Goldeneye

La villa di Fleming Goldeneye a Oracabessa Bay, a est di Ocho Rios, nella costa nord, è stata trasformata dal proprietario Christofer Blackwell, produttore di Bob Marley e fondatore dell’etichetta musicale Island Records, in un resort esclusivo che negli anni ha ospitato molti personaggi famosi. Da Sting che ha scritto Every Breath You Take, proprio alla scrivania dove Ian Fleming creò la serie su Bond a Bono che qui ha composto la colonna sonora di 007 Goldeneye.

Villa di Fleming
Villa di Fleming al Goldeneye Resort
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

A pochi chilometri dal resort, nella baia di Oracabessa, su una piccola penisola, c’è la James Bond Beach, iconica spiaggia dalle cui acque turchesi uscì Ursula Andress in “Licenza di uccidere”. 

James Bond Beach
James Bond Beach

Viaggio in Giamaica: fiori tropicali e colibrì

Sulla costa occidentale, a Negril, c’è la Seven Mile Beach, undici chilometri di litorale, considerata una delle più belle dei Caraibi. Per assaggiare piatti tradizionali della cucina casalinga giamaicana si va da Miss Lily’s, un ristorantino pied dans’eau, dello Skylark Negril Beach Resort. Da non perdere una visita al Barney’s Flower & Hummingbird Garden Jamaica, un piccolo ma stupendo giardino tropicale, dimora di molti colibrì a cui dare da bere.

Il Barney’s Flower & Hummingbird Garden Jamaica
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Ad una manciata di chilometri a sud di Negril visita d’obbligo al Rick’s Cafè, un’istituzione in Giamaica, dove vedere al tramonto, sorseggiando un aperitivo, giovani locali che si tuffano in acqua da scogliere di 30 metri. 

Il Rick’s Cafè
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Proseguendo verso nord si incontra a Montego Bay una delle spiagge più famose del Paese, la Bay Doctor’s Cave Beach, 200 metri di sabbia finissima, circondata da palme. Qui per mangiare c’è il ristorante Track&Records di Usain Bolt che, oltre ad offrire un viaggio culinario nella cucina giamaicana, vanta più di 150 tipi di rum e dell’ottima musica. 

Track&Records
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Viaggio in Giamaica: vista dalle montagne

Salendo in collina, con vista spettacolare su Montego Bay, vale una visita l’Ahhh Rasnatango Gallery & Garden, una galleria d’arte in open air, con un bellissimo giardino da visitare con piante tropicali e, anche qui, colibrì a cui dare da bere. In questo atelier si acquistano opere d’arte e souvenir unici, di produzione locale. 

Vista su Montego Bay
Vista su Montego Bay

Andando verso est si passa da Ocho Rios, e da qui alle Dunn’s Rivers Fall. Un viaggio in Giamaica non può prescindere da una visita a queste cascate, a gradoni di pietra che scendono verso il mare, da risalire a piedi, un must per i turisti. Per dormire c’è il Jamaica Inn, iconico hotel in stile coloniale, negli anni ’50, meta del jet set internazionale: da Winston Churchill, Marylin Monroe, Vivien Leigh a Ian Fleming che pare ordinasse sempre una vodka Martini agitato, non mescolato, il preferito di James Bond.

La lobby del Jamaica Inn
La lobby del Jamaica Inn
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved
Jamaica Inn
Il Jamaica Inn
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Un’altra visita imperdibile per i cinefili è quella a Firefly, a Oracabessa, poco distante da Ocho Rios. In cima a una collina si trova la villa dove abitò Noël Coward, regista e produttore di molte pellicole tra ci anche quelle di Hitchcock e molto amico di Fleming. Dal parco che circonda la villa, dove si trova la tomba dell’artista, si gode di una delle viste più belle dell’isola. Non a caso in passato il promontorio fu scelto come punto d’avvistamento delle navi nemiche dall’ammiraglio Henry Morgan, che ha ispirato la fortunata saga di Pirati dei Caraibi.

Il giardino di Firefly
Firefly
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Spostandosi sulla costa orientale, vicino Port Antonio, si incontra Frenchman’s Cove Beach, di proprietà dell’omonimo resort di lusso, costruito negli anni ’60 dal miliardario Garfield Weston e San San Beach, spiaggia con vista sull’isolotto di Monkey Island. La vicina Boston Bay, amata dai surfisti, è famosa per essere la “capitale” del Jerk Pork, piatto tipico giamaicano, cotto alla brace, aromatizzato con spezie. 

Monkey Island
Monkey Island

Viaggio in Giamaica per sportivi

Sempre vicino a Port Antonio c’è la Blue Lagoon, entrata nel mito grazie all’omonimo film con Brooke Shields. Da qui è possibile ammirare il profilo delle Blue Mountains, il cui punto più elevato arriva a 2256 metri. Da raggiungere, per gli amanti del trekking, tra piantagioni di caffè. Arrivati in cima la fatica sarà ripagata dalla vista mozzafiato sulla costa nord e sud dell’isola, e, nelle giornate limpide della costa di Cuba. Già solo questa vista vale un viaggio in Giamaica. Per dormire c’è lo Strawberry Hill Resort, sempre di Chris Blackwell, con cottage in stile coloniale e piscina a sfioro e vista sulle montagne. 

Strawberry Hill Resort
Strawberry Hill Resort
Le Blue Mountains
Copyright © · Fotografia di Clelia Torelli · all rights reserved

Come arrivare: con la compagnia Neos

per informazioni: Visit Jamaica

Rispondi